Approvata la legge sul consenso informato e testamento biologico (Dat). Il comunicato della Consulta di Bioetica

La Consulta di Bioetieca Onlus esprime soddisfazione per l’approvazione definitiva del disegno di legge  “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento” che colma una lacuna nell’ordinamento giuridico italiano ormai non più tollerabile.

Nella legge ritroviamo norme di grande civiltà che segnano un deciso passo avanti nel principio di autodeterminazione da sempre sostenuta dalla Consulta.

Apprezziamo soprattutto il richiamo ai principi costituzionali e in particolare agli artt. 2, 13, e 32, alla definizione della idratazione e nutrizione artificiale come trattamenti sanitari e, soprattutto, alla mancata previsione dell’istituto dell’obiezione di coscienza spesso invocato durante i lavori parlamentari. L’obiezione di coscienza avrebbe aperto pericolose falle all’interno della legge stessa che avrebbero reso difficile la fruizione dei diritti da essa garantiti, come purtroppo sta avvenendo nel caso dell’aborto.

Questa legge introduce nella legislazione ordinaria il principio del consenso informato e delle disposizioni anticipate di trattamento (testamento biologico) anche se non esaurisce tutte le necessarie opzioni che da una legge sul fine vita ci saremmo attesi. Essa è positiva perché finalmente garantisce ai cittadini il minimo dovuto.

Ora che abbiamo raggiunto questo importante traguardo del testamento biologico, la Consulta di Bioetica continuerà a battersi per introdurre, anche nel nostro Paese, l’eutanasia e il suicidio assistito, come sostenuto da ormai due decenni e riaffermato nel Convegno internazionale tenutosi alla Camera dei Deputati a fine giugno 2017 e nel relativo Manifesto.

Il presidente

Maurizio Mori

 

Scarica il comunicato stampa

2017 dic 14 Comunicato Stampa: APPROVAZIONE LEGGE TESTAMENTO BIOLOGICO

Scarica il Manifesto per l’eutanasia

2017 giu 27 ROMA Manifesto per l’eutanasia

1 thought on “Approvata la legge sul consenso informato e testamento biologico (Dat). Il comunicato della Consulta di Bioetica”

  1. Troppa modestia !
    Oltre alla soddisfazione è lecito anche un po’ di orgoglio.
    Mi pare giusto ricordare che la CDB ha dato un contributo fondamentale al raggiungimento di questo traguardo con la stesura del primo Biotestamento italiano, la “Biocard” e predisponendo il testo della proposta di Legge n.5673, primo firmatario Grignaffini del 10 Febbraio 1999.
    Per questo vorrei qui rinnovare un’espressione di gratitudine anche al suo fondatore, Renato Boeri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.