Risarcito Beppino Englaro per i danni subiti dalla Regione Lombardia. Comunicato stampa della Consulta di Bioetica e da Litaliaintesta

 

COMUNICATO STAMPA DELLA CONSULTA DI BIOETICA E DE LITALIAINTESTA

ANCHE L’ASPETTO CONCRETO CONTA:
IL RISARCIMENTO A BEPPINO ENGLARO CONFERMA
LA CORRETTEZZA DELLA BATTAGLIA PER LE
DISPOSIZIONI ANTICIPATE.
Al Senato ora il compito di fare subito la sua parte!

Apprendiamo che ieri l’altro il Consiglio di Stato ha condannato la Regione Lombardia a risarcire Beppino Englaro per i danni subìti dall’opposizione fatta dall’allora governatore Formigoni a quanto disposto dalla Corte d’Appello di Milano; azione reiterata dall’attuale governatore Maroni, in opposizione alla sentenza del TAR. Quell’atto ha impedito a Eluana di finire i suoi giorni in Lombardia.
Anche il riconoscimento giuridico e pratico-materiale è significativo perché costituisce una ulteriore conferma della correttezza della battaglia ideale condotta dagli Englaro atta al riconoscimento dell’autodeterminazione e delle volontà anticipate di Eluana: una battaglia che ora deve presto trovare un altro sbocco concreto nel disegno di legge in discussione al Senato nei prossimi giorni.

Mentre ci congratuliamo con Beppino e con i suoi legali per l’ulteriore successo acquisito, la Consulta di Bioetica Onlus, che sin dall’inizio ha sostenuto gli Englaro e ha lanciato in Italia l’idea del testamento biologico e del suo valore morale, assieme a LItaliaintesta, sollecita il Parlamento ad approvare presto il ddl in discussione senza ulteriori indugi: non è perfetto, ma gli italiani lo meritano ora, subito! e anche
l’ultima sentenza del Consiglio di Stato conferma che l’ordinamento si muove in quella direzione che noi abbiamo aperto sul piano ideale ed etico.

Maurizio Mori – Presidente Consulta di Bioetica Onlus

Paolo Briziobello – Presidente LItaliaintesta

Scarica il comunicato stampa COMUNICATO STAMPA 23 GIUGNO 2017 – SENTENZA ENGLARO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *